Cosa vedere a Bologna in un giorno

Around the City
Cosa vedere a Bologna in un giorno

Cosa vedere a Bologna in un giorno: le 4 tappe da non perdere

Una città da scoprire passo dopo passo, in cui perdersi e ritrovarsi, Bologna è ricca di fascino e carisma.

Bologna è una città giovane, vivace, piena di vita, di divertimento e di buon cibo, ma soprattutto di tanti edifici, chiese e musei da visitare. Il capoluogo dell’Emilia-Romagna è caratterizzato da tre elementi principali:

  • la prestigiosa Alma Mater Studiorum, ovvero l'Università degli Studi di Bologna, considerata fra le migliori d’Italia e fra le più antiche del mondo. La sua data di fondazione risale, infatti, all'anno 1088;
  • 40 chilometri di portici che si snodano per le strade della città e i tetti delle case che mantengono vivo il colore rosso tipico dell’epoca medioevale;
  • la cucina, considerata tra le migliori del territorio italiano e una delle più conosciute nel mondo, grazie alle varie tipologie di pasta che qui vengono sapientemente preparate e cucinate da mani esperte.

Per vedere Bologna in un giorno è importante organizzare il tuo itinerario nei minimi particolari perché la città è davvero ricca di angoli suggestivi che vale la pena visitare. Per muoversi nel centro di Bologna è consigliabile prendere una bicicletta con uno dei servizi di sharing della città e per essere tutelato è importante stipulare l’assicurazione online MyMobility che ti protegge in caso di danni causati a terzi durante l’uso del bike sharing.

A-bici
A-bici
A-bici
A-bici
Proteggi te e i tuoi spostamenti con MyMobility
Assicura il tuo itinerario in bicicletta con la polizza My Vehicles

Bologna centro, cosa visitare: 1° tappa

Cosa vedere a Bologna in un giorno? Ovviamente, Piazza Maggiore e la Basilica di San Petronio, che rappresentano rispettivamente il centro della vita civile e religiosa della città. Nell’ampia Piazza Maggiore, oltre alla famosa statua del Nettuno, si affacciano gli edifici più importanti della città, il Palazzo Comunale, il Palazzo dei Banchi e l’elegante Palazzo del Podestà, che ne testimoniano la storia.

Un luogo bellissimo che pare, però, possa portare sfortuna agli studenti della celebre Università di Bologna: la leggenda narra che gli alunni non possano mai attraversare la piazza passando per il centro, ma sempre costeggiandola, pena la perdita della tanto ambita laurea.

Bologna centro, cosa visitare: 2° tappa

Affacciata su Piazza Maggiore si trova la Basilica di San Petronio, la chiesa più importante e imponente di Bologna, oltre che la sesta chiesa più grande del mondo. I lavori per la sua costruzione iniziarono nel 1390 e si protrassero per diversi secoli e per far spazio a questo edificio vennero demolite torri, abitazioni private e altre chiese.

L’impressione che si ha al primo sguardo, però, è quella di una chiesa incompiuta: la facciata, infatti, a causa della mancanza di finanziamenti e, forse, anche di alcune autorizzazioni ecclesiastiche, non venne mai finita come previsto dal progetto iniziale. Nei secoli ci sono state nuove proposte mirate al completamento dell’opera che si sono concluse in un nulla di fatto, con il risultato finale che l’idea di portare dei cambiamenti alla facciata, avrebbe fatto perdere alla Basilica la sua identità.

Bologna centro, cosa visitare: 3° tappa

La Torre degli Asinelli è tra le cose da vedere a Bologna in un giorno, un luogo interdetto agli studenti finché non saranno riusciti a indossare la loro corona d’alloro, perché anche in questo caso, come per Piazza Maggiore, si narra che farlo prima porti sfortuna alla propria carriera.

Se, invece, per te il tempo di banchi e libri di scuola è finito, potrai scendere dalla tua bicicletta e preparati a salire sulla Torre. Costruita tra il 1109 e il 1119 dall’omonima famiglia degli Asinelli, per il proprio prestigio sociale e per scopi militari di difesa e di avvistamento, è alta 97,20 metri e per raggiungere la cima dovrai salire quasi 500 gradini. Una volta arrivato, ti troverai sulla torre pendente più alta d’Italia, infatti, a causa di un cedimento del terreno, la Torre presenta una pendenza di 2,23 metri.

A fianco a questo simbolo della città si trova la Torre della Garisenda, anch’essa pendente, ma di ben 3,22 metri. A causa di questo sbilanciamento, la seconda torre, un tempo alta 60 metri, fu abbassata per timore che crollasse e, ad oggi, non è visitabile. Nel Medioevo Bologna possedeva 180 torri, ora ne rimangono solo 23 e di queste le più famose sono senza dubbio la Torre degli Asinelli e la Garisenda.

Bologna centro, cosa visitare: 4° tappa

L’ultima tappa da non perdere nella guida di viaggio su cosa vedere a Bologna in un giorno è dedicata ai Portici e alla Chiesa di San Luca. I percorsi coperti sono un elemento chiave del capoluogo emiliano e permettono di raggiungere ogni punto della città.

Il portico più famoso di Bologna è il Portico di San Luca che permette di raggiungere la Chiesa di San Luca, posta sopra il Colle della Guardia a 4 chilometri dal centro. Il portico ha 666 arcate, il simbolico numero non sarebbe casuale: il portico, infatti, rappresenterebbe un serpente che viene sovrastato dalla bellezza e dalla forza della Chiesa, la Madonna. La salita fino a questa Chiesa, quindi, simboleggia il percorso di liberazione e purificazione dal peccato.

Cosa vedere a Bologna in un giorno con la serenità di MyMobility

Hai ancora dubbi su cosa vedere a Bologna in un giorno? Queste quattro tappe ti permetteranno di non perderti le attrattive principali della città, ma se, invece, vuoi vedere qualcosa di poco conosciuto, non potrai perderti i canali di Bologna, ti sembrerà di essere stato trasportato nella bella Venezia: infatti, affacciandosi dalla finestrella di Via Piella si può godere di un affascinante scorcio su un piccolo canale della città, conosciuto con il nome di “Piccola Venezia”.

Per i tuoi spostamenti nella città di Bologna, ricordati di scegliere la polizza di MyMobility che ti permetterà di assicurare anche la tua bicicletta in sharing e di ricevere assistenza in caso di infortunio.

Con MyMobility visitare Bologna in sicurezza e serenità diventa semplice, facile e comodo. E tu, sei pronto per partire?

Condividi su

Marco per andare al lavoro ha usato il bike sharing, ma pedalando è caduto per colpa di un sanpietrino.

Grazie a MyMobility sa che ci sarà qualcuno a prendersi cura di lui.

Scegli la tua polizza

Cosa vedere a Torino
Around the City: Cosa vedere a Torino
Leggi...
Cosa vedere a Roma
Around the City: Cosa vedere a Roma
Leggi...
Cosa vedere a Milano
Around the City: Cosa vedere a Milano
Leggi...

Loading...